domenica 21 ottobre 2012

Matematica e opinioni

In attesa dei dati trimestrali di Apple, quelli che stanno emergendo in questi giorni mostrano, per esempio, che il 46% delle nuove attivazioni di Verizon sono iPhone... e l'iPhone 5 rientra solo per un paio di settimane del trimestre. A questo dato possiamo aggiungere i soliti dati di accesso alla rete che evidenziano il maggior traffico (e non di poco) generato da iOS rispetto ad Android.

Se la matematica non è un'opinione, questi dati si scontrano con i numeri che vogliono i telefoni Android molto più venduti di quelli iOS... ma come ho già avuto modo di raccontare in altre occasioni, a mio avviso l'incongruenza è solo parziale.

Certo, stiamo parlando di un solo operatore USA e non del mercato mondiale, e può anche essere che l'iPhone generi di suo più traffico di Android, o che i metodi di rilevazioni del traffico siano affetti da qualche difetto, ma questo dato rappresenta quantomeno un "tendenza" sulla quale possiamo fare qualche considerazione.

E' vero, i telefoni Android sono più venduti dell'iPhone: avere un telefono touch è una moda (è di qualche settimane fa la notizia che in Italia le vendite di smartphone hanno superato quelle di telefoni "tradizionali") e Android offre più scelta, di marche, di display, e soprattutto di prezzo. Apple cerca di sopperire tenendo in vendita i modelli di due generazioni fa, ma non c'è paragone tra le due varietà di offerta... è un po' la stessa situazione che si riscontra anche nel mondo PC, e per certi versi è sorprendente che Apple riesca a fare numeri così grandi con una proposta tanto risicata.

...però... c'è un" però"...

Se a fronte di vendite maggiori, c'è un minor numero di attivazioni, a mio avviso la spiegazione è solo una: chi compra un telefono Android è già utente Android e non necessita ulteriori attivazioni.

Faccio un esempio semplice semplice: se io sto utilizzando il mio iPhone 4 comprato 2 anni fa, e un mio amico sta utilizzando ancora il 3GS comprato l'anno prima, Apple in tre anni ha venduto due telefoni e ha conquistato due clienti. Se un altro mio amico si è comprato il Galaxy S, poi l'SII e ora anche l'SIII, Samsung ha venduto tre telefoni in due anni: il 50% in più in meno tempo... ma ha un solo cliente (il 50% in meno di Apple).

L'esempio è volutamente estremizzato, ma la tendenza è sicuramente questa... anche perché l'iPhone 3GS (classe 2009) è aggiornabile con iOS6, mentre il Galaxy S (classe 2010), a meno di root e Cooked ROM, è fermo ad Android 2.3.3, mentre Google si appresta a fine mese presentare la versione 4.2. Aggiungo: la maggioranza dei dispositivi iOS è già stata aggiornata a iOS6, mentre nel mondo Android, a mio avviso, sussiste il caos più assoluto: il sistema più diffuso (Gingerbread) è "vecchio" di due anni e la versione 4.x del sistema è adottata solo da 1/4 degli utenti, con Jelly Bean (la release 4.1) fermo ad un 2% scarso. Google si appresta a rilasciare un nuovo aggiornamento, ma i costruttori vendono ancora modelli con versioni vecchie: quanto potrà continuare questa tendenza? Finché continua la moda touch, e la sfida volge principalmente sul prezzo, ancora per molto... nel frattempo, attenzione alle insidie...

Concludo tornando al traffico dati generato in rete: se è vero che avere un telefono touch è una moda, anche se poi magari il telefono stesso è utilizzato al 5% delle proprie potenzialità, allora è anche vero che questa "moda" colpisce più Android che iOS, visto che Android, nonostante le maggiori vendite (anche se, a mio avviso, un minor numero di utenti effettivi) risulta essere meno utilizzato... ma mi fermo qui per non rischiare di entrare nel solito giro di polemiche.


2 commenti:

  1. Piccola precisazione, il discorso matematico è giusto ma riguarda l'uso quindi gli utenti e il traffico generato ma le attivazioni non sono fatte in base agli utenti bensì sugli smartphone.
    Quindi ogni nuovo smartphone comprato dalla persona implica una nuova attivazione.
    Per il resto tutto giusto, probabilmente sono molti di più gli smartphone android chiusi dentro un cassetto o usati come muletto 1 volta al mese, che iphone.
    Anche se la situazione è ancora più complessa, ho visto personalmente almeno 2 smartphone (ma a questo punto dovrei dire cellulari) android usati SENZA attivazione... cioè come semplici cellulari senza un account google attivato. D'altronde non solo si acquistano più smartphone che cellulari ma è proprio l'offerta attuale che prevede a listino molti più smartphone, col risultato di venire acquistati anche da chi non ne ha proprio bisogno.

    RispondiElimina
  2. grazie a Luca per la precisazione

    RispondiElimina