martedì 30 ottobre 2012

Il cambiamento che non ti aspetti...

...o quasi.

Apple annuncia grandi rivoluzioni nella leadership di due settori chiave del momento: Scott Fortsall, alla guida della divisione iOS, lascerà Apple il prossimo anno... resterà per un anno come consulente di Tim Cook (probabilmente più per questioni strategiche) ma sarà Jonathan Ive che guiderà l'evoluzione dell'interfaccia operativa, coadiuvato Craig Federighi per lo sviluppo vero e proprio del sistema. Parallelamente Eddy Cue cercherà di raddrizzare Siri e Mappe, due pomi della discordia che probabilmente hanno contribuito all'allontanamento di Fortsall. Nonostante tutto, visto la genesi di OSX e iOS (Fortsall arriva direttamente dalla NeXT ed è uno dei progettisti delle prime versioni di MacOSX e dell'interfaccia AQUA, oltre che essere una delle persone che hanno portato iOS al successo) non pensavo che si sarebbe arrivati a questo punto... ma tutto cambia, e forse era giunto il momento di dare una svolta anche sotto questo aspetto. Resta da chiedersi se Ive riuscirà a guidare lo sviluppo dell'interfaccia dei sistemi Apple, così come ha guidato l'evoluzione delle linee esterne dei Mac e dei dispositivi iOS, e in modo altrettanto efficace: i due settori sono completamente differenti, e questa sarà una bella sfida per Jony.

L'altro grande allontanamento è quello di Jhon Browett, da sei mesi a capo degli Apple Store, ma mai realmente in sintonia con la filosofia Apple, troppo focalizzato sui ricavi a scapito (talvolta) dell'esperienza dei clienti negli store.

Infine Bob Mansfield, che sembrava in procinto di andare in pensione, assume il ruolo guida della divisione wireless e dello sviluppo dei semiconduttori, e quindi dei futuri processori (che, qui lo dico e qui lo nego, nel giro di qualche anno potrebbero tornare ad essere basati su architettura proprietaria anche sui Mac)

6 commenti:

  1. Forse vedremo un po' meno skeuomorfismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, onestamente lo skeuomorfismo non mi fa né caldo né freddo... non mi entusiasma, e in certe situazioni lo trovo inutile, ma in altri contesti ci sono alcuni dettagli che apprezzo.
      Detto questo, ho avuto più volte occasione di dire che trovo Windows Phone più interessante di Android, e parte di questo giudizio sta anche nella "semplicità" delle forme

      Elimina
  2. Chiaro che non pensavi sarebbero arrivati a sto punto, non hai mai voluto ammettere soprattutto a te stesso dei recenti fallimenti in casa Apple. Non è mai troppo tardi per le docce gelate, sperando portino a riflessioni sincere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro "unknown", immagino un tuo "velato" riferimento a Mappe (ma il discorso avrebbe la stessa valenza anche per altro).

      Io (a proposito di "riflessioni sincere") su Mappe ho semplicemente detto sempre quel che pensavo a differenza di chi, per esempio, ha inizialmente osannato Mappe guardando le preview, per poi dirne peste e corna sulla scia di chi trovava errori (a volte falsi), per poi riabilitarla quando saltavano fuori commenti favorevoli legati a sondaggi di dubbia utilità, e tornare infine a rinnegarla adesso, pensando all'allontanamento di Fortsall.
      Mappe, intesa come App in sé, è migliore sotto molti punti di vista rispatto alla precedente applicazione (che, per inciso, non avrebbe concesso ad Apple la possibilità di realizzare un navigatore turn-by-turn); ci sono problemi nel database dei POI? Mai detto il contrario... ci sono alcune vie sbagliate o alcune riprese satellitari scarne? sicuramente, ma quanto impattano nella realtà di utilizzo dell'App? Per la mia esperienza poco, per chi passa il tempo a cercare difetti, forse di più... Nella mia esperienza il Tom Tom mi ha fatto sbagliare strada in almeno 4 occasioni, con Mappe, finora, sono sempre arrivato a destinazione.

      Non pensavo che sarebbero arrivato a questo punto semplicemente perché pensavo ad un Fortsall che (oltre ad essere il pupillo di Jobs, "ereditato" dalla NeXT e artefice di OSX e iOS) fosse meglio integrato con gli altri dirigenti, ma evidentemente non è così, se è bastato il suo allontanamento a far tornare Bob Mansfield.

      Docce gelate? Con tutto rispetto, e nonostante la mia passione per l'informatica e per Apple, nella vita ho ben altre priorità...

      Elimina
  3. Grazie per la risposta, Puce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusta o sbagliata, gradevole o sgradevole, garbata o sgarbata, una risposta la concedo sempre (a meno di situazioni veramente estreme, che fortunamentamente non mi sono ancora capitate)... ci tengo a precisarlo perché ci sono invece siti di "Apple Haters" che una spiegazione come quella sopra la censurano, perché sono talmente accecati dalla loro "missione" di andare sempre e comunque contro Apple, che non accettano idee diverse dalle proprie... e te lo dico per esperienza diretta

      Elimina